mercoledì 16 luglio 2014

Aprire gli occhi: "Quasi storie" @ Cotignola

Oggi inauguro una nuova sezione del blog, "Aprire gli occhi", che nei mesi raccoglierà le mostre, i festival, le conferenze, alle quali parteciperò, legate ai libri, all'illustrazione, ai fumetti, e chi più ne ha più ne metta. Tutti eventi che secondo me sono degni di nota e che voglio condividere con voi per permettervi di conoscere meglio realtà poco note o autori che ho saputo apprezzare.

Parto parlandovi di una bellissima mostra che in realtà ho visitato già da un po', che è terminata anche da qualche tempo, ma che ho molto apprezzato e quindi ho deciso di mostrarvi qualche foto e spiegarne meglio gli intenti. Sto parlando di Quasi storie, tenutasi a Cotignola (un piccolo comune in provincia di Ravenna) dal 2 al 22 giugno.





Mostra che raccoglieva più di trenta autori, tra disegno, fumetto e illustrazione, e arti varie, praticati con tecniche particolari e spesso molto diverse tra loro. Nomi conosciuti nel panorama editoriale, che hanno saputo affrontare questi linguaggi in modo personale e diverso. Per citarvene alcuni: Agnese Baruzzi, Nicoletta Ceccoli, Mara Cerri, Marina Girardi, Magda Guidi, Octavia Monaco, Virginia Mori, Davide Reviati, Gek Tessaro...e molti altri.

Una mostra in cui la magia e la potenza del disegno, insieme al candore e ambiguità dell'illustrazione per bambini, funzionano come inneschi e stimoli per inseguire e inventare racconti, per generare narrazioni sconosciute e imprevedibili che si potranno continuare e trasformare all'infinito.

Il presupposto era quello di costruire prima di tutto una mostra per bambini, che si articolasse anche in laboratori con gli autori, nella settimana dal 3 all' 8 giugno, soprannominata: "Saluti da Cotignyork".

Una settimana di occupazioni felici e rivoluzioni gentili...per le bambini e i bambini, e i grandi anche.

Giornate completamente dedicate ai più piccoli, agli adulti curiosi o che sanno ancora cosa sia l'infanzia e agli appassionati di storie, guidati da laboratori creativi, spettacoli, letture, attività di vario tipo che spingono all'apertura mentale, alla scoperta di cose nuove e di se stessi.

Che le storie sono ciò che ancora ci tiene insieme, e si possono raccontare di certo con le parole, ma a noi piace un sacco farlo anche con le immagini e allora Cotignyork è fatta non solo di voci, ma anche di corpi e soprattutto di disegni, tantissimi disegni. E le figure sono mondi e dentro a questa settimana i mondi sono molti, e ramificati e divertentissimi, e così lontani talvolta, ma tutti attraversati dal bisogno e desiderio di narrazioni e di modi di vedere gli altri.
Perché cambiare il punto di vista equivale ad innescare un racconto, il suo inizio possibile almeno. E così, queste quasi storie, possiamo completarle e dargli spazio, e rilanciarle fino a spostare un po' più in là l'orizzonte.

Tornando alla mostra vera e propria, questa si sviluppava creando un percorso di rimandi e collegamenti, tanto da formare delle sezioni interne all'esposizione. Obbiettivo principale era però il voler mettere in discussione le consuetudini, come ad esempio quella che vede il disegno come semplice accompagnamento visivo delle parole. Per creare questo "ribaltamento" sono state chiamate a intervenire scrittrici, poetesse, attrici, maestre, bibliotecarie, che hanno scritto brevi storie, inizi di racconti, che lo spettatore poteva leggere, e magari completare personalmente. Questa volta partendo dalle immagini; parole, pensieri, avvenimenti, suscitati dai disegni.






 (un esempio perfetto sono queste illustrazioni di Davide Reviati, accompagnate da brevi frasi che creano personaggi, micro storie, parlano del vissuto. Alcune anche molto buffe.)

Una mostra per riscoprire il disegno come narrazione e il racconto come mezzo per tenerci insieme, uniti, creando comunità.

Come dice il volantino, Quasi storie è anche una mostra "anarchica", perché ricca di strappi, scarti narrativi, fuori tema, che permettono di aprire l'orizzonte immaginativo, e sapere accettare, comprendere e così apprezzare tecniche che sembrano, ad un primo sguardo, distanti e strane, come il collage, la scultura, il cucito, le tecniche digitali. In realtà, guardandole bene, tutte sono collegate a modo loro, creando un filo rosso che ti accompagna per tutta la visita.


 (Agnese Baruzzi con illustrazioni fatte in silhouette, e che ricordano tanto le animazioni del passato.)



(Un tipo di illustrazione molto originale, nata dal cucito, dall'utilizzo di materiali insoliti, come perline, spugne...)
-



(Il riutilizzo, dando un significato del tutto nuovo e originale, di semplici francobolli.)
-




(I "teatrini" di Marilena Benini, animati e abitati da materiali diversi e attentamente scelti a seconda del soggetto che compongono.)


(Collage di Rita Ravaioli, con l'impiego di forme e colori semplici, e carte molto diverse tra loro.)



(Animaletti che pendono dal soffitto e che si muovono al nostro minimo spostamento. Anche questi creati con materiali diversi tra loro.)


(Bubilda, con questa particolare installazione e con l'utilizzo sempre del cucito.)
-




(Alice Iaquinta, con collage molto curati, minimali e grafici.)


(Luca Lavatori, con una grande sequenza di disegni in movimento, dal gusto tribale, primitivo.)





(I collage molto personali di Roberta Galassini, utilizzando foto di famiglia, applicate su mappe di vari luoghi.)


(Silvia Chiarini, con un tipo di illustrazione molto grafica e minimale, utilizzando pattern particolari.)


(Michela Mazzoli, che sfrutta come supporto di lavoro una foglia secca.)

Tutte opere molto evocative, che proprio per la varietà, di linguaggio o materiale, riescono a suscitare in ognuno di noi qualcosa di diverso. 

Vorrei chiudere il post con un'altra carrellata di immagini, troppo belle per non essere viste, e con una frase presente sul programma della mostra e che mi è piaciuta molto, e racchiude il significato di molti di questi lavori.
"Perché, come nel disegno dei bambini, ad un certo punto succede qualcosa d'imprevisto, che ci spiazza e porta via."


(Monica Zani, che utilizza una tecnica mista con acrilici e collage e come supporto pagine di libri,ma anche acquerelli per i suoi "ritratti".)


-




(Giovanni Rizzo, che crea accostamenti di colore che a me personalmente piacciono molto. Delicati e originali.)




(Uno stile che amo molto, quello di Andrea Rivola, con questi personaggi stondati e caricaturali, è immediatamente riconoscibile per l'originalità della caratterizzazione. E anche la tecnica utilizzata si accosta perfettamente.)


(Andrea Ghetti, anche lui con una caratterizzazione unica e particolare.)




(Marina Girardi, con le sue illustrazioni libere, poetiche, che a me ricordano l'atmosfera del sogno.)


(Davide Reviati)






(L'incantevole stile e accostamento di colore di Magda Guidi.)





(Uno stile davvero unico e riconoscibile e una grande abilità nella composizione traspare dai lavori di Michelangelo Setola.)



(Michele Ferri, con un formato di lavoro che io adoro e immagini ben costruite, con una grande cura per gli accostamenti di colore.)








(Altra illustratrice che amo molto, Mara Cerri, per la cura che mette nei suoi lavori, la costruzione delle immagini, l'uso dello spazio e la distribuzione degli elementi in esso e l'uso dei colori.)



(Nicoletta Ceccoli)


(Virginia Mori, con queste atmosfere gotiche, grottesche, che mi richiamano sempre alla mente Edward Gorey e la Famiglia Adams.)


(Octavia Monaco, con lavori materici, ricchi di simboli)





(Un autore che non conoscevo bene, più per nome ecco, che ho saputo scoprire meglio e apprezzare tantissimo, Cesare Reggiani.)


(Il bravissimo e sempre inedito Gek Tessaro.)


(Mauro Monaldini, un autore che non conoscevo e che è stato una piacevolissima sorpresa. Grande attenzione per i particolari e lo studio di personaggi. Illustrazioni dalla composizione originale, con soggetti e situazioni che sanno coinvolgere e  incuriosire. Da guardare attentamente per scoprire nuovi dettagli.)

In generale consiglio a tutti di visitare mostre di illustratori e fumettisti, perché anche se già amiamo e stimiamo questi autori sulla carta, non sapete cosa potete scoprire a vederne gli originali. Notare come quello che banalmente si può considerare un errore diventi particolarità dell'opera; poter vedere studi, "fuori programma", che non troveremo mai pubblicati. Ma anche apprezzare la grande capacità tecnica, la precisione di alcuni artisti e poter cogliere la differenza tra l'originale e del risultato finale, stampato.

4 commenti:

  1. Ho scoperto il tuo blog tramite la mia amica belletto e sono felice di iniziarti a seguire...Mi piace la tua modalità di scrittura e considerando le tematiche del tuo blog, non potevo esimermi :-)
    IMPOSSIBILE FERMARE I BATTITI //PAGINA FB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ho visto i vostri profili su IG ^_^ grazie cara, sono contenta che il blog ti piaccia ^_^ è ancora piccino picciò, però spero di continuare a scrivere con una certa regolarità :) i titoli tra cui scegliere sono infiniti, tra quelli poi che ho in libreria più quelli che prendo in biblioteca, ciao! XD Ne ho per tutta la vita. Anche tu un'accanita lettrice?^_^

      Elimina
  2. Ho sempre adorato lo stile di Nicoletta Ceccoli, è caratterizzato da un lato romantico, misterioso e melanconico allo stesso tempo.
    Le signorine che rappresenta sono contemporaneamente tenere ed inquietanti, il che le rende, ai miei occhi, tremendamente affascinanti *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo con te^_^ non è proprio la mia illustratrice preferita peró trovo che sia molto delicata e inquietante allo stesso tempo. Poi alcune immagini, tipo quelle con i chupa chups sono geniali.

      Elimina